Danni al viso per le mascherine. Raddoppiati gli interventi estetici

Danni al viso per le mascherine. Raddoppiati gli interventi estetici

La Società di chirurgia plastica: a Napoli richieste dalle sedicenni alle over 40

Danni al viso per le mascherine

Scarica il PDF

Zigomi più alti, una fronte spianata, niente zampe di gallina. L’estetica, ai tempi dell’emergenza Covid, passa attraverso nuove strategie e sono in aumento — alle porte dell’estate — le richieste di ritocchini per riequilibrare visi a lungo celati dalle mascherine.

Alcune signore lamentano danni determinati dal prolungato uso dei filtri anti Covid, altre immaginano le difficoltà di una abbronzature a strisce, altre ancora vogliono solo riprendersi la ribalta e tornare a vivere con entusiasmo.

Di certo i dati rilevati dalla Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, evidenziano che dopo il lockdown è salita di circa il 50 per cento la richiesta degli interventi soprattutto per gli effetti (presunti) dovuti all’uso della mascherina. A Napoli si segnala un incremento del ricorso a pratiche mini invasive di medicina estetica, come filler e procedure per il ringiovanimento, anche da parte di ragazze tra i 16 e i 18 anni oltre che di over 40. Suggestionate dai modelli proposti dalle influencer, che spopolano in rete, chiedono anche interventi sui glutei da realizzare con protesi o con grasso e infiltrazioni di acido ialuronico. Restano alte le quotazioni della mastoplastica additiva: un seno più grande , secondo la Sicpre, è il desiderio di tutte, o quasi. Di certo c’è un picco di richieste superiore del 15-20 per cento rispetto allo scorso anno. In aumento anche la richiesta di trattamenti di epilazione definitiva con laser e luce pulsata.

«Le ultime novità nell’ambito dei trattamenti con tecniche mini invasive – spiega Francesco D’Andrea, presidente Sicpre – sono rappresentate dalle metodiche biologiche rigenerative, che vanno a sostituire l’uso di farmaci e sostanze di origine sintetica. Si tratta di tecnologie avanzate che sfruttano la capacità rigenerativa di aggregati cellulari, prelevati dallo stesso paziente e reiniettati, per riparare tessuti danneggiati o invecchiati».

Giuseppe Sito, che a Napoli ha organizzato in due diverse fasi il 33esimo stage di medicina estetica — un appuntamento si è appena concluso, l’altro è fissato per settembre — ricorda che le mascherine non provocano danni permanenti. «Poggiano sui tessuti molli e non creano alcun problema al viso. Tuttavia — rileva — le donne sono effettivamente al centro di richieste più significative rispetto a quelle dello scorso anno. È la reazione al disagio per i mesi di clausura forzata, di depressione per essere rimaste lontano dal lavoro, il segno della voglia di tornare a vivere con pienezza. Le più decise sono le 35/40enni che vogliono tornare alla vita normale con un viso riposato, più giovane e fresco. Mini interventi preestivi per mostrarsi con e senza mascherina».

Intanto, chirurgia e punturine a parte, sono in ascesa le richieste di cosmetici waterproof, di ombretti che enfatizzano lo sguardo e di rossetti che non trasferiscono il colore sulle mascherine. Insomma, se la bocca va tenuta coperta e gli occhi in primo piano tanto vale organizzarsi. Non è un caso se Clio Zammateo — la regina della cosmetica sul web — ha riaperto il suo temporary store a Napoli dopo il lockdown. Fila all’ingresso del negozio color pesca, rilevatori di temperatura e buona parte dei rossetti a prova di fase 3 esauriti da tempo.

Open chat